I 10 Workpackages (WP) del Progetto

Il Progetto viene articolato in 10 Workpackages, all’interno dei quali saranno sviluppate le attività di ciascun professionista, ognuna in grado di apportare e valorizzare l'iniziativa negli ambiti territoriali dal progetto che coinvolgono 16 Comuni appartenenti a quattro Unione della Provincia di Bologna (Unione valle del Samoggia, Unione valli Savena-Idice, Unione Appennino Bolognese e Unione Alto Reno) ed interessano poco meno di 60.000 ha di superficie boscata.

Per una migliore comprensione viene qui riportata una sintesi dell’articolazione dei Workpackages, con l’indicazione degli obiettivi e della valutazione delle giornate uomo necessarie per lo svolgimento delle attività.

 


Workpackage

Obiettivo

Giorni/ uomo

1

Coordinamento organizzativo

 

60

2

Coordinamento Tecnico-scientifico

Garantire la correttezza scientifica nella fase della realizzazione delle azioni coordinate, qualitativamente valide ed efficaci ai fini degli obiettivi del progetto.

100

3

Contrattualistica e normativa

Armonizzazione ed adeguamento delle politiche ambientali relative alle Unioni di Comuni coinvolte nel progetto, in materia di gestione del bosco e del patrimonio forestale in genere attraverso la creazione e lo sviluppo di appositi tavoli di lavoro tra Unioni di Comuni e Consorzi Agroforestali locali nonché messa a punto di contratti di filiera.

40

4

Risorse Forestali e Aree di stoccaggio

Attraverso lo studio delle risorse forestali disponibili, indicare  nell'ambito delle aree più ricche di legname quelle più adatte per l’insediamento di impianti a biomassa forestale e per la creazione di piazzole di stoccaggio del materiale legnoso e del cippato di legna vergine.

56

5

Recupero Ramaglie e potature

Attraverso la stima dei quantitativi di ramaglie, scarti organici e vegetali potenzialmente intercettabili e trasformabili in materia prima seconda , valutare l’impatto in termini di risparmi economici di una gestione energetica di tali materie.

20

6

Manutenzione del territorio e decoro urbano

Evidenziare l’impatto sul territorio dell’Appenino Bolognese di un riutilizzo a fini energetici degli scarti di potature e del verde urbano con riferimento ai benefici che detto riutilizzo sarebbe capace di garantire in termini di decoro urbano e di manutenzione del territorio.

20

7

Bio-Energia- Ricognizione e aspetti di conduzione impianti

Portare a sintesi i risultati delle esperienze gestionali degli impianti a cippato esistenti nel territorio in esame e redigere un documento che indichi le linee guida per una corretta gestione economica ed ambientale degli impianti.

40

8

Bio-Energia – Progettazione Impianti

Attraverso uno screening dei siti idonei per la realizzazione di impianti di generazione calore , elaborare progetti preliminari generali  con successiva selezione e approfondimento di quello che presenta le migliori caratteristiche tecnico – economiche e di cantierabilità per la realizzazione ricorrendo anche alla forme del finanziamento tramite terzi.

72

9

Mini – Idroelettrico – screening e progettazione impianti

Attraverso uno screening dei siti idonei per la realizzazione di impianti mini-idroelettrici, elaborare progetti preliminari generali  con successiva selezione e approfondimento di quello che presenta le migliori caratteristiche tecnico – economiche e di cantierabilità per la realizzazione ricorrendo anche alla forme del finanziamento tramite terzi.

32

10

Comunicazione, divulgazione, informazione

 

100

10/a

Materiale divulgativo

 

-

 

 

TOTALE GIORNI UOMO

540

 

Gli interventi sono dettagliatamente descritti nel documento illustrativo dei Workpackages presentato in fase di approvazione del Progetto, e possono essere sommariamente riepilogati in:

  • Studi ed incontri preliminari, necessari per predisporre l’affidamento dei necessari incarichi a tecnici e professionisti;
  • Attività ed azioni di Progetto per il coordinamento iniziale, per la redazione della contrattualistica necessaria in fase preliminare e nelle fasi successive, per la direzione scientifica e  di progetto , per le  analisi energetiche, per le progettazioni, e per tutte le altre attività specifiche di realizzazione e di monitoraggio;
  • Realizzazione di eventi per la diffusione dei risultati, trasferimento di buone prassi, organizzazione di seminari e workshop, pubblicazione di articoli e aggiornamento di siti web diretti a veicolare i contenuti del progetto.

Ogni attività/azione è funzionale alla creazione di una rete specifica del settore trattato, ma anche all'uniformità e coerenza di dette tematiche per il territorio di competenza del GAL come previsto dal PAL "Fare Squadra per l’Appennino Bolognese”.

La collaborazione diretta dei soggetti coinvolti avvalora i risultati del progetto grazie alla passione che infondono nelle iniziative realizzate.

Free WordPress Themes - Download High-quality Templates